Tra le varie facce della digitalizzazione c’è anche la profilazione delle singole persone. Come valutare questo aspetto non dal punto di vista del marketing, ma in un’ottica di eccessiva ingerenza nella sfera personale dei singoli individui. Ha ragione Gramellini quando ci ricorda che i padroni del web, sono diversi dalle precedenti generazioni di capitalisti, tutti i loro sforzi sono finalizzati a migliorare la qualità della nostra vita. Da qui il titolo dell’editoriale del 20/12/2019 (corsera):
Facebook di bronzo