La Società, facendo nostra l’idea di Bauman, sta diventando sempre più liquida (2000). Questa trasformazione sta imponendo nuove variabili sulle quali richiamare l’attenzione dei vertici aziendali. Sono variabili sempre più intangibili e spesso non rilevate dalla “tradizionale” contabilità generale. Da questi limiti, era nata l’idea del Performance measurement (Eccles) sviluppata con la Balanced Scorecard (Kaplan e Norton) e oggi dall’’Integrated Report (Eccles). L’ambizione è di rendere tangibili gli Intangibili costruendo un Report che evidenzi i legami tra questi 6 patrimoni (Financial, Manufactured, Intellectual, Human, Social and relashionship, Natural) nella loro gestione a livello aziendale e la creazione di valore di un’impresa. Meglio se si riuscirà a determinare quello che anche Michael Porter sembra indicare come l’indicatore di sintesi delle performance aziendali: il valore economico condiviso (Porter e Kramer)
Insomma l’idea è semplice: il fatto che il risultato eco-fin non dica tutto e comunque lo dica sempre in ritardo non significa che questa variabile non sia una sintesi puntuale e comprensiva di tutta una serie di fatti gestionali, più o meno ben gestiti. In ultima istanza pur riconoscendo che i risultati eco-fin possono essere in singoli anni specifici, manovrati ad “arte”, il loro configurarsi rimane un’espressione significativa del successo aziendale. Basta ricordarsi solo di valutare la “qualità” del reddito e di aver chiaro che solitamente, sia nel bene che nel male, il reddito segnala con un certo ritardo temporale la reale situazione aziendale.

Approfondi-menti in ordine di “apparizione”

BAUMAN Z., Modernità liquida. La Terza, Bari, 2000 e 2011

ECCLES R.G., The performance Measurement manifesto. Harvard Business Review, January-February, 1991

KAPLAN R.S. – NORTON D., Grandi performance con la Balanced Scorecard. Il sole 24 ore, 2012

ECCLES R.G., Report integrato. Rendicontazione integrata per una strategia sostenibile. Philanthropy, 2012

PORTER M. – KRAMER M., Creare valore condiviso. HBR Italia, 2011

Ricevi i nostri contenuti iscrivendoti alla nostra Newsletter