Nell’ analisi dello scenario un momento importante è quello dell’individuazione dei megatrend e dei loro impatti sulle macro variabili rilevanti di un business o, addirittura, sulla domanda del prodotto/servizio offerto. In proposito, per il loro impatto generalizzato, se ne sono selezionati dieci, e con riferimento a ciascuno di essi si indicano, a titolo esemplificativo, alcuni loro probabili impatti sui mercati.

Il primo megatrend è: il progressivo venire meno nell’economia globale di un Paese predominante o di pochi. Una volta erano gli Stati Uniti, poi si è affermata una Triade (Stati Uniti, Giappone e Europa), oggi il G8 è diventato G20: questo sta a indicare che l’economia globale sarà sempre meno condizionata dalle politiche e dall’andamento di un singolo Paese. A seguire si possono indicare il manifestarsi, a intervalli temporali sempre più brevi, di fenomeni di turbolenza ambientale, fra questi vanno considerati i sempre più frequenti e intensi cambiamenti climatici. È finita anche l’era della finanza che segue: oggi è la finanza che blocca. È sempre più difficile reperire sui mercati finanziari le risorse necessarie, si sta arrivando al paradosso che le risorse finanziarie sono disponibili per quelle imprese che non ne hanno bisogno. Grazie alla globalizzazione (ma non solo) si assiste a fenomeni di aumento del numero dei concorrenti addirittura nei business maturi, per i quali le teorie economiche prevedevano una maturità tranquilla. Questo è uno dei fenomeni che caratterizza l’ipercompetizione nella quale ci si trova a operare. Altro trend: il crearsi e il consolidarsi delle mega-city. Un altro megatrend molto insidioso è quello legato all’evoluzione del consumatore finale: non è più alla ricerca del ben-avere (dove prevalevano i volumi e il consumismo) ma del ben-essere (prodotti/servizi spesso legati a una qualità alta e con contenuto culturale). Si sta passando, come è stato indicato con acuta osservazione da Giampaolo Fabris, da un mercato di massa a una massa di mercati: una determinante importante di quest’evoluzione è stato l’innalzamento, in molti Paesi, del livello culturale medio. Si assiste anche a un progressivo innalzarsi dell’età media di vita delle persone che, in alcuni Paesi, come l’Italia, si associa anche a un invecchiamento della popolazione. Il mondo sarà sempre più interconnesso, anche nelle cose (Internet of things). Si rifletta anche solo brevemente su alcuni probabili impatti di questi megatrend. Così il venire meno di un Paese, che concentri un’importante quota della produzione di ricchezza a livello mondiale crea opportunità, ma rende anche più incerto lo scenario economico mondiale. E così di seguito. A voi le riflessioni del caso sul futuro prossimo venturo che ci attenderà dati questi megatrend.

Resta aggiornato con i nostri contenuti attraverso la nostra newsletter.