Con il crescere dell’interesse nella prassi aziendale dell’inglobare nelle strategie aziendali anche precisi obiettivi di sostenibilità, cresce l’attenzione verso la proposta che Michael Porter formulò, insieme a Mark Kramer, nel gennaio-febbraio del 2011 sulle pagine di Harvard Business Review.

Ad oggi si ritrovano alcuni esempi di calcolo dello Shared Value (ad esempio Report Integrato di A2A) ma la sua determinazione risulta ancora molto difficile. Nonostante ciò, è necessario concentrare l’attenzione verso l’idea di Shared Value e avere dei sistemi di pianificazione e controllo che catturino attraverso delle misure i driver di questo valore. Od ancora meglio dimostrarsi sensibili inserendo nel sito ufficiale della società precisi richiami ai temi della sostenibilità (si veda il sito di Nestlé).
Nel frattempo si può rispolverare l’idea di Porter attraverso questo breve video e pensare ad un futuro sempre più vicino.

Ricevi i nostri contenuti iscrivendoti alla nostra Newsletter