Per svolgere in modo efficace l’attività di management, non sono sufficienti le conoscenze relative agli strumenti e alle tecniche da utilizzare. È importante sapere come utilizzarle e quali comportamenti assumere nei rapporti con gli altri (superiori, pari livello e primi riporti). Questi aspetti comportamentali sono diventati così rilevanti da occupare intere giornate nei corsi di formazione per executive e aver fatto nascere e sviluppare la macro scuola delle soft skills.
Così abbiamo pensato che anche alla nostra community potesse interessare avvicinarsi a quest’area di studi. Ma lo vorremmo fare in modo originale chiedendoci: quali sono le capacità “artistiche” che un responsabile dovrebbe cercare di praticare almeno con i propri collaboratori? Ne abbiamo selezionate 7, quelle che nella nostra esperienza si sono rivelate le più utili nel fare management, anche se non tutte facili da mettere in pratica:

-l’arte di ascoltare
-l’arte di tacere
-l’arte di porre domande e di osservare
-l’arte di decidere
-l’arte di organizzare e gestire risorse
-l’arte di comunicare
-l’arte di apprendere e far apprendere

Non sono 7 arti “marziali” (pratiche fisiche e mentali legate al combattimento), ma sono sette arti “esiziali”. Praticarle per essere efficaci nello svolgere le proprie attività in un’organizzazione, condividendo obiettivi e collaborando con gli altri. Ad ognuna di queste arti dedicheremo un appuntamento al mese, partendo da febbraio 2020; molto di più di un blog, un filo conduttore.

Resta aggiornato con i nostri contenuti attraverso la nostra newsletter.